Ultima modifica: 13 giugno 2017

Chiarimenti dell’Amministrazione sulla problematica relativa alla ZTL

L’attuale Amministrazione Comunale ha affrontato sin dal suo insediamento la problematica relativa alla ZTL, cercando soluzioni condivise con gli operatori del settore ed espletando, già nel 2014, un’indagine di gradimento attraverso un voto espresso sul sito del comune.

Lo scorso anno con la messa in opera del controllo elettronico della Zona al Traffico Limitato è stato dato ordine e disciplina alla regolamentazione stradale del tratto viario interessato, con l’eliminazione definitiva, attraverso l’innovazione, delle vecchie transenne.

Essendo il 2016 il primo anno di attivazione di una  nuova procedura, indubbiamente più rigida rispetto al passato, prima di assumere qualsiasi decisione, ci si è voluti nuovamente confrontare con la Polizia Municipale e le associazioni di categoria dei commercianti, per stabilire tempi ed orari di applicazione. Tutto ciò tenendo conto delle esigenze espresse dai cittadini leonfortesi che frequentano abitualmente quella zona.

Appare pertanto del tutto pretestuoso accusare l’A.C. di non aver mai ascoltato le richieste dei commercianti considerato che:

– il periodo estivo della ZTL è stato ridotto rispetto agli anni precedenti da 5 a 3 mesi,  non più dal 1  di maggio al 30 settembre ma dal 1 giugno al 31 agosto attualmente vigente;

– l’orario di inizio nel periodo estivo è stato posticipato dalle 19:00 alle 20:00 con termine all’una;

– la raccolta firme fatta in vigenza della ZTL nel periodo natalizio del 2015, ormai a quel tempo troppo tardi per intervenire, ci ha indotto a Natale 2016 a ridurre la ZTL solo alla settimana tra natale e capodanno;

– il periodo invernale è stato di conseguenza prolungato dal 1 settembre al 31 maggio effettuando la    ZTL solo il sabato, la domenica e i festivi dalle 19:00 alle 23:00;

– sono stati esclusi i festivi del 1 Maggio, il 25 aprile, il lunedì di Pasqua e il 2 Giugno per agevolare tabacchi e chi somministra alimenti e bevande data la scarsa presenza di pedoni in città.

Il cartello no ZTL sembra una inequivocabile richiesta di abolizione totale della ZTL, che però non trova d’accordo tutti i commercianti che per la loro differente natura di vendita hanno esigenze si tipo diverso.

La revoca della ZTL non è la soluzione per tutti, rappresenterebbe un taglio netto per coloro i quali ne hanno di bisogno per lo svolgimento delle loro attività e per i pedoni, che hanno il diritto di godersi la vita cittadina lontano dall’inquinamento automobilistico.

Conciliare le esigenze di tutti è l’arte più difficile di chi amministra, ma è uno sforzo che bisogna fare tenendo conto di tutti i fattori e le categorie interessate (bar, negozi di abbigliamento, artigiani, gioiellerie, casalinghi, ecc..), che devono però essere consapevoli che nei normali rapporti di convivenza ognuno deve rinunciare a qualcosa per stare in serenità con gli altri.

Tutte le innovazioni in principio sono soggette a sperimentazione ed aggiustamenti, in quanto alla questione in oggetto, ancora potrebbe essere necessario qualche altro correttivo. Sarebbe però stato corretto prospettare agli organi preposti problematiche e richieste, aprendo un dialogo per trovare assieme idee e soluzioni. Dal 1 settembre u.s. ad oggi però nessuno ha mai richiesto incontri o ha fatto pervenire proposte specifiche, per cui la protesta posta in essere è del tutto incomprensibile.

Come dimostrato l’Amministrazione Comunale è stata capace di ascoltare mediando tra le esigenze di tutti. Si continua a rimanere disponibili per eventuali incontri, qualora vengano richiesti, per apportare dei correttivi alla disciplina della ZTL nel rispetto reciproco di commercianti, cittadini ed amministratori. La convivenza comunitaria è un valore che comporta qualche sacrificio da parte di tutti.

                                                                                                     L’Amministrazione Comunale

Link vai su