Bando Fondazione Caterina Branciforti

Il commissario straordinario della Fondazione Caterina Branciforti rende noto che è indetto concorso pubblico per titoli per il conferimento dei seguenti sussidi che la fondazione erogherà per l’anno 2018 in favore delle ragazze e fanciulle bisognose e nubili dei comuni di Mazzarino, Butera, Pietraperzia, Leonforte e Raccuja.

Data:
25 Settembre 2018

Il commissario straordinario della Fondazione Caterina Branciforti rende noto che è indetto concorso pubblico per titoli per il conferimento dei seguenti sussidi che la fondazione erogherà per l’anno 2018 in favore delle ragazze e fanciulle bisognose e nubili dei comuni di Mazzarino, Butera, Pietraperzia, Leonforte e Raccuja.  

La domanda in carta semplice, opportunamente sottoscritta, che dovrà essere inviata con raccomandata postale indirizzata alla Fondazione Caterina Branciforti di Mazzarino entro il sedici ottobre 2018 (16/10/2018) pena la esclusione, dovrà contenere tutte le generalità complete dell’aspirante, il recapito ed il tipo di sussidio richiesto, specificando se si concorre per” Dotazioni dotali o mantenimento in Istituti di Assistenza e di Istruzioni o Sussidi di studio o Strumenti di Lavoro”.

La mancata indicazione del tipo di sussidio richiesto o la mancanza della firma determinerà l’esclusione.

Alla domanda ogni aspirante dovrà allegare in carta semplice:

  1. Dichiarazione attestante la residenza in uno dei comuni interessati, certificando che la stessa decorre da oltre un anno;
  2. Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU -ISEE) del soggetto richiedente il sussidio;
  3. Copia fotostatica del documento di riconoscimento e del codice fiscale della concorrente se maggiorenne, o, se minorenne, dal capo famiglia che firma l’istanza.

Inoltre le candidate:
se concorrono per “Sussidi di mantenimento in Istituti di assistenza e di istruzione” dovranno presentare dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio con firma dalla quale risulti l’iscrizione e la frequenza per l’anno in corso dell’Istituto presso il quale sono ospitate a convitto;
se concorrono invece per il “sussidio di studio” dovranno presentare dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio con firma dalla quale risulti l’iscrizione al corso seguito e la frequenza della scuola o università dichiarate.
La mancata presentazione delle dichiarazioni sostitutive o l’incompletezza di esse determinerà l’esclusione delle concorrenti a meno che gli elementi utili per la formulazione della graduatoria non risultino comunque dalle altre dichiarazioni prodotte a corredo della domanda.

Ultimo aggiornamento

16 Luglio 2020, 19:22