Chiesa di S. Antonio da Padova

Realizzata per volontà della principessa Caterina, fu fatta costruire da N. Placido Branciforti. Attigua al palazzo principesco, serviva come cappella palatina e la famiglia vi accedeva per mezzo di un collegamento sopraelevato che immetteva nella cantoria.

Chiesa di S. Antonio da Padova

Ubicazione: Via Santangelo
Anno di costruzione: 1634

Notizie storiche

Realizzata per volontà della principessa Caterina, fu fatta costruire da N. Placido Branciforti. Attigua al palazzo principesco, serviva come cappella palatina e la famiglia vi accedeva per mezzo di un collegamento sopraelevato che immetteva nella cantoria. Questo corridoio coperto è stato demolito per fare posto all’attuale edificio scolastico. La prima costruzione, forse perché eseguita male, crollò. La chiesa fu riedificata nel 1636. Nel 1881 un incendio distrusse l’altare maggiore in legno, rovinando anche il volto della bellissima statua della Vergine, che fu restaurato a Palermo.

Descrizione

Di stile barocco, piccola e ad una navata, presenta una facciata movimentata dai rilievi delle modanature con un ricco portale sovrastato da una preziosa edicola contenente una lapide marmorea. Nella nicchia incastonata al centro dell’architrave del timpano è collocata una statuetta in alabastro del Santo padovano, opera dello scultore ennese Gallina. Completa la chiesa uno slanciato campanile caratterizzato da un’ elegante guglia a fasce di maiolica policroma.

Interventi
Nel 1881, subito dopo l’incendio, fu rifatta sul lato esterno che dà sulla via Sott’Arco: sono infatti visibili ampie cornici il cui vano di apertura è stato murato. Nel 1955 è stata nuovamente restaurata.

Da vedere

• Via Crucis dipinta su tela.
• Statua della Madonna Immacolata del ‘600.

Ultimo aggiornamento

17 Agosto 2020, 12:15