Diga Nicoletti

Un'altra giornata piacevole a contatto con la natura si può trascorrere visitando la Diga Nicoletti

Diga Nicoletti

Ubicazione: SS. 121 (direzione Enna) a 12 km. dal centro abitato
Anno di costruzione: 1962-1968

Notizie storiche

Un’altra giornata piacevole a contatto con la natura si può trascorrere visitando la Diga Nicoletti, ottenuta mediante lo sbarramento del torrente Bozzetta intorno agli anni ’60. Essa interessa l’alto bacino del Dittaino – Crisa e raccoglie le acque dello stesso Bozzetta, del Manna, dell’ Ammaro e, per via sotterranea, del Lombardi – Girgia; può contenere fino a 19.400.000 mc. di acqua molto limpida e quasi potabile. Particolarmente interessante è lo scarico di superficie, una struttura in cemento armato a forma di calice con quattro alettoni nella parte superiore, per impedire il formarsi di vortici durante il riempimento dell’invaso.
La diga è profonda 25 metri circa, ha un viale come coronamento lungo 640 metri. E’ comunque di modeste dimensioni e dalla forma bifida, interessa i comuni di Leonforte e Calascibetta e fa parte di quegli impianti programmati e messi in cantiere dall’E.S.A. allo scopo di realizzare le opere di irrigazione necessarie per la trasformazione produttiva delle terre dell’entroterra siciliano. Geologicamente il territorio è per lo più caratterizzato da basse colline argillose dominate dalle cime più alte degli Erei, visibili anche dallo specchio lacustre.
Il bacino è circondato da un bosco di eucaliptus e da splendidi paesaggi.
Vi si pratica la pesca di tinche, carpe, alborelle e pesci rossi. Oltre la pesca si pratica lo sci nautico e il wind-surf; durante l’estate si praticano delle gare a livello regionale.
I lavori di costruzione della diga, finanziati dalla Cassa per il Mezzogiorno, sono stati iniziati nel 1962 ed ultimati nel 1968.
Per raggiungere la Diga Nicoletti bisogna percorrere la S.S. 121 Leonforte – Enna per 12 km.
Le rive nord sono toccate dalla S.P. dell’Erbavusa.

Ultimo aggiornamento

17 Agosto 2020, 12:41